22 Giugno, giorno 243: crux desperationis

2013-06-22 18.50.21

 

Reminiscenze dell’esame di Filologia, metrica e retorica prestate all’esame di Latino II: dicesi crux desperationis il segno a forma di croce usato dai filologi per segnalare un locus desperatus, ovvero il luogo in cui la lectio, cioè la parola, tramandata dai codici è palesemente corrotta e inaffidabile. Non riuscendo in alcun modo ad emendarla, cioè correggerla, il filologo abbandona quella parte, dichiarandola impossibile da sistemare. Senza ricorrere alla croce, cari filologi, la prossima volta fate una miniatura della mia faccia mentre studio la Pharsalia di Lucano.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...