21 Giugno, giorno 242: e la luna bussò alle porte del buio

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

20 Giugno, giorno 241: genesi di una tazza di thè

P1050142 - Copia

Il thè alla vaniglia è un’esperienza multi-sensoriale. Comincia appena inserisci la bustina nell’acqua bollente: la vista è affascinata. Prosegue quando versi un goccio di latte nella tazza: l’olfatto ringrazia. Finisce quando cominci a sorseggiarlo: se non ti scotti, le papille gustative ballano la lap dance… Il tatto è escluso, a meno che quella tazza sublime non ti si versa addosso, in tal caso è il senso più colpito! Ma visto che siamo in estate, il problema non si crea!

14 Giugno, giorno 245: Napoli è un bel presepe, sono i pastori che fanno schifo

image

Apparentemente la frase c’entra davvero poco con la foto, invece sono legate da un pensiero e da un’azione: stavo passeggiando con Stefano, ci godevamo un pomeriggio libero, avevamo appena comprato due impermeabili per l’Irlanda e li avevamo posati in macchina. Volevo stare ancora un po’ a respirare l’aria di inizio estate e volevo mangiare la mia pizza preferita. Volevo e l’ho fatto. E mentre lo facevo ho pensato alla frase che ho scritto nel titolo: l’avevo sentita qualche anno fa da un signore che intervistai per il giornale per cui scrivevo. Anzi, ci ho pensato proprio mentre Stefano mi scattava quella foto. Piano piano ci siamo incamminati verso la macchina et voilà, ecco che la frase prende consistenza: due vetri erano stati fracassati, qualcuno si era infilato nel portabagagli per rubare i due impermeabili appena comprati. 450 euro di danni per 40 euro di bottino. Ho avuto la nausea per giorni e un senso di inadeguatezza, che non mi ha ancora lasciato, verso la mia città che riesce sempre a togliermi il fiato, in un senso o nell’altro.

12 Giugno, giorno 243: la morte della tv

???????????????????

Arriverà adorna di nero,

con la falce e in mano un cero,

recherà con sé un programma

ma non sarà per voi una manna:

vip in costume audace

e Teo Mammucari che mai tace,

si getteranno da un trampolino.

Il baratro, per voi, è proprio vicino.

Questa poesiola dal significato astruso, ritrovata nelle canne d’organo di una chiesa nella periferia di Cortona, è diventata d’improvviso chiara quando su Canale 5 è passato Jump, un programma dal profondo messaggio culturale… Pentitevi o miscredenti, pentitevi!!!