30 Maggio, giorno 230: riflessi

3BWZgIS1-tq71eVl4afax7dTUIpdsvYo0c8PpuTsVAE

Annunci

MD-uQc3_EGuL86Ku2blD4OVXlY7IdRoIbpfKh80sIRU

26 maggio, giorno 126: nuovo ingresso in squadra

SAMSUNG

 

E’ arrivata all’improvviso nel mio giardino, miagolava con gli ultrasuoni, si è calmata solo quando ha visto Giona. E da lì non si è più mossa. L’avevo chiamata Nina, perché Nina è nome proprio femminile. Dico l’avevo, perché scrivo dal futuro e vi posso anticipare che dopo un mese dal suo arrivo, quando finalmente ha deciso di farsi accarezzare, ho scoperto che Nina è uomo! E perciò sono corsa ai ripari: da Nina, a Nilo, passaggio breve e indolore. Devo dire che a Stefano è andata peggio… si è trovato con un Mario, femmina 😉

23 e 24 Maggio, giorni 223 e 224: Fiorenza mia!

960025_391243407657467_675769263_n

 

Se voi mi chiedeste così, su due piedi, dove vorrei vivere, io su due piedi vi risponderei: Firenze! Mi è capitato poche volte di entrare in una città mai vista prima e sentirmi a casa, come se le mie scarpe avessero da sempre calpestato le sue strade. La mattina del 22 maggio Stefano mi ha chiesto di riempire un trolley e di portare qualcosa di caldo con me. “E dove andiamo?” Mistero! Qualcosa di caldo… quindi montagna… mmm però mi ha visto portare i sandali e non ha detto nulla… Il 23 mattina ci mettiamo in macchina attraversando il diluvio universale e prendiamo l’autostrada. Passa l’uscita Roma, passiamo il confine tra Lazio e Toscana, passiamo Siena, passiamo Firenze Nord, ma dove stiamo andando si può sapereeee? Uscita Firenze Sud: “Mi hai riportato a Firenze? Ma io, io… (occhi pieni di lacrime e di amore)”. “Non ti ho portato a Firenze” risponde lui “ti porto agli Uffizi e a fare un giro nelle stanze segrete di Palazzo Vecchio”. Colpita e affondata, la mia città del cuore, nel cuore della sua storia con l’uomo del mio cuore… traboccavo di felicità!

Le foto dei due giorni di viaggio sono decine, le ho caricate in una cartella Sky Drive che potete vedere cliccando su questo link http://sdrv.ms/1d37eeC

Buona visione!

22 Maggio, giorno 222: ai limiti del trash

fDc0OypC8XAGtuFyAaog56hn-ppd8D46-BAIb20Bv_I

 

La foto fa pietà, perdonatemi! Ma l’ho scattata di soppiatto per immortalare questo capolavoro trash e condividerlo con voi perché la mia retina ha sofferto molto e aveva bisogno di sfogarsi. Potete notare strass a volontà (sui pomelli dei cassetti, e sull’intero profilo del top di marmo(?) ), colonne stile a cacchio e dulcis in fundo, balcone porta spezie che, ormai stanche di essere chiuse nei mobili, hanno protestato e ottenuto una fantastica vista piano cottura… Della serie non c’è mai limite al peggio!

21 Maggio, giorno 221: funiculì funiculà

V4uL9I4pqz9sywAm-ImlP6-mgZb_VcfBFLnHmAN3Guo

 

Ero stra convinta che la celeberrima “Funiculì funiculà” fosse stata scritta per l’inaugurazione della Funicolare Centrale di Napoli, quella cioè che dal Vomero porta a via Roma passando per via Palizzi e Corso Vittorio Emanuele. Per inciso, se vi trovate a Napoli, vi consiglio vivamente di prenderla visto le fermate coincidono con alcuni dei posti più belli della città! Tornando a noi, devo ammettere la mia ignoranza… la canzone in realtà fu scritta per la prima corsa della funicolare del Vesuvio (a.d. 1878) che serviva a portare i viaggiatori fino alla cima del vulcano. Io ve la scrivo e sfido anche i non napoletani ad azzardare una traduzione 🙂

 

Aissera, oje Nanniné, me ne sagliette,
tu saje addó, tu saje addó
Addó ‘stu core ‘ngrato cchiù dispietto
farme nun pò! Farme nun pò!
Addó lu fuoco coce, ma se fuje
te lassa sta! Te lassa sta!
E nun te corre appriesso, nun te struje
sulo a guardà, sulo a guardà.

Jamme, jamme ‘ncoppa, jamme jà,
Jamme, jamme ‘ncoppa, jamme jà,
funiculì, funiculà!
funiculì, funiculà!
‘ncoppa, jamme jà,
funiculì, funiculà!

Né, jamme da la terra a la montagna!
Nu passo nc’è! Nu passo nc’è!
Se vede Francia, Proceta e la Spagna…
Io veco a tte! Io veco a tte!
Tirato co la fune, ditto ‘nfatto,
‘ncielo se va, ‘ncielo se va.
Se va comm’ ‘a lu viento a l’intrasatto,
guè, saglie, sà!

Jamme, jamme …

Se n’è sagliuta, oje né, se n’è sagliuta,
la capa già! La capa già!
È gghiuta, po’ è turnata, po’ è venuta,
sta sempe ccà! Sta sempe ccà!
La capa vota, vota, attuorno, attuorno,
attuorno a tte! Attuorno a tte!
Stu core canta sempe nu taluorno:
Sposamme, oje né! Sposamme, oje né!

Jamme, jamme …