Blackout

image

L’elettricità mi ha riempito la vita… E un po’ me l’ha soffocata.
Oggi è stata assente ingiustificata: niente tv, niente internet, niente computer!
Ho respirato libertà e gioia a pieni polmoni… Un libro di Tabucchi tra le mani, il profumo dei fiori d’arancio nei capelli, il sussurro del sole sul viso…

Annunci

A patria mia sì tu

“Stiamo in Italia, dice babbo, ma non siamo italiani. Per parlare la lingua la dobbiamo studiare, è come all’estero, come in America, ma senza andarsene. Molti di noi non lo parleranno mai l’italiano, e moriranno in napoletano. E’ una lingua difficile, dice, ma tu l’imparerai e sarai italiano. Io e mamma tua no, noi non pu, nun po, nuie nun putimmo”. Vuole dire “non possiamo” ma non gli esce il verbo. Glielo dico, “non possiamo”, bravo, dice, bravo, tu conosci la lingua nazionale. Sì, la conosco e di nascosto la scrivo pure e mi sento un poco traditore del napoletano e allora in testa mi recito il suo verbo potere: i’ pozzo, tu puozze, isso po’, nuie putimmo, vuie putite, lloro ponno. Mamma non è d’accordo con babbo, lei dice: “Nuie simmo napulitane e basta”. Ll’Italia mia, dice con due elle di articolo, ll’Italia mia sta in America, addò ce vive meza famiglia mia. ” ‘A patria è chella ca te dà a magnà'”, dice e conclude. Babbo per scherzare le risponde: “Allora ‘a patria mia sì’ tu”.

Erri de Luca, Montedidio

image